Che Shigeru Miyamoto non fosse un grande fan della realtà virtuale non è di certo una sorpresa. A tre anni dall’intervista in cui dichiarò la sua riluttanza, Miyamoto torna ad esprimersi in merito.

Nonostante i lavori e gli sviluppi di Nintendo, il padre di Mario e Zelda si professa ancora titubante sulle potenzialità della realtà virtuale per la casa nipponica.

In merito ai problemi dello stare assieme online della realtà virtuale, credo che questi siano stati risolti” afferma Miyamoto “E questo è qualcosa che stiamo tenendo d’occhio anche noi. Ma quando vedo le persone giocare in realtà virtuale mi preoccupo, come per esempio se un genitore vedesse il proprio figlio giocare in realtà virtuale. Un altro problema che tutti si trovano di fronte è come creare un’esperienza breve e al tempo stesso appagante con la realtà virtuale“.

Quando si pensa a ciò che è la realtà virtuale” aggiunge Miyamoto “Ovvero una persona che indossa un visore e gioca da sola in un angolo, o forse in una stanza separata, e che spende tutto il suo tempo da sola ci si rende conto che ciò è in contrasto con ciò che stiamo cercando di ottenere con Wii U“.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here