È da diverso tempo che si sente parlare in rete dell’ “Effetto Kinect“. Ma di cosa si tratta esattamente? Microsoft lo definisce così:

Abbiamo costruito Kinect per rivoluzionare il modo in cui le persone usano i videogiochi e il concetto di intrattenimento stesso. Ma, lungo la strada, molti hanno iniziato a usare Kinect come mai ci saremmo aspettati e immaginati. Dall’aiutare i bambini affetti da autismo ai medici nelle sale operatorie, in tanti stanno portando Kinect oltre i videogiochi. E questo è quello che noi chiamiamo l’Effetto Kinect.

Alcuni esempi concreti? l’Ospedale Tedesys sta utilizzando la tecnologia di Kinect in una sala operatoria in Spagna per aiutare i medici a gestire l’Imaging a risonanza magnetica e le scansioni per la tomografia computerizzata solo con il movimento delle mani; il Royal Berkshire Hospital sta facendo di Kinect una parte importante del processo di recupero nei pazienti colpiti da ictus o altre malattie al cervello.La periferica Kinect viene lanciata sul mercato da Microsoft il 4 novembre 2010 e in meno di un anno raggiunge i 10 milioni di unità vendute entrando, il 10 Marzo 2011, anche nel Guinness World Record come il dispositivo elettronico con le vendite più “veloci“. Oltre ad aver completamente rivoluzionato il modo di giocare ha anche stimolato la creatività di diverse aziende nel mondo. Privati, accademie ed aziende, che non hanno nessuna relazione con Microsoft, hanno creato e inventato nuove applicazioni per questa rivoluzionaria periferica.

Qui potete vedere e capire con precisione di cosa stiamo parlando. Prendetevi qualche minuto per guardare i video!

Vediamo nel dettaglio come funziona la tecnologia Kinect:

1. SENSORE DI MOVIMENTO

Kinect utilizza un sensore di movimento che riconosce tutto il corpo, quindi quando si gioca non si utilizzano solo le mani e i polsi ma tutto il corpo: braccia, gambe, ginocchia, bacino, vita etc.

2. RICOSTRUZIONE SCHELETRO DIGITALE

Mentre si gioca, Kinect crea uno scheletro digitale misurando la distanza e la lunghezza di alcuni determinati punti del corso. Così quando ci si muove a destra e a sinistra o quando si salta, il sensore cattura il movimento e lo inserisce nel gioco.

3. RICONOSCIMENTO FACCIALE

Il Kinect ID si ricorda di chi ha davanti recuperando i dati fisici i quali sono immagazzinati nel profilo. Così quando ci vuole giocare una seconda volta, Kinect si ricorda della persona.

4. RICONOSCIMENTO VOCALE

Kinect utilizza dei microfoni sistemati in posizioni strategiche integrati nel sensore. Microfoni che sono in grado di separare la voce dai rumori di fondo in modo da poter controllare film ed altro ancora con il solo utilizzo della voce.

Stupiti? Non è finita. Microsoft mette a disposizione sul suo sito la possibilità di scaricare gratuitamente l’SDK (kit di sviluppo) in modo che tutti coloro che hanno un’idea e sanno come realizzarla possano farlo.
Di seguito potete scaricare l’SDK: http://kinectforwindows.org/