Qualche tempo fa, mi consigliarono un libro di economia intitolato “Strategia Oceano Blu“.

In breve, il libro tratta un concetto molto semplice: le aziende navigano in un oceano rosso  dove la concorrenza la fa da padrona e nessuno esce vincitore. Lo scopo delle aziende, quindi, è quello di solcare le calme acque di un pacato oceano blu, dove la concorrenza non esiste e ogni società si ritaglia la propria fetta di mercato senza pestare i piedi agli altri.

Questa, infatti, è la strategia adottata da Multiplayer Edizioni, che è riuscita a ritagliarsi una fetta di mercato interessante: i videogiocatori.

I romanzi si rivolgono a un pubblico che probabilmente non ama leggere ma che è spinto a farlo perché il ricordo di “quel gioco che gli è piaciuto molto” è talmente forte da farlo riavventurare nella storia.

Sicuramente questo tipo di letteratura è agli albori, c’è ancora molto lavoro da fare. Le traduzioni in italiano, a volte, sono un po’ macchinose e si può incappare in qualche errore di battitura. Ma nulla di grave.

L’esperienza e la voglia di migliorare è l’unica cosa che non manca a Multiplayer Edizioni. 


Un esempio di letteratura videoludica è Bioshock Raptur (nelle librerie dai primi di marzo 2012). 

Il libro rappresenta il prequel dei primi due capitoli del videogioco.

Per la realizzazione del romanzo, l’autore John Shirley ha lavorato a stretto contatto con i game designers di 2K Games in modo da poter rievocare nel modo più coerente possibile le ambientazioni utopistiche del gioco.


Buona lettura!

SINOSSI:

Siamo alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Il New Deal di Roosevelt ha ridefinito la politica americana, le tasse hanno raggiunto nuovi picchi storici, i bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki hanno suscitato il terrore della distruzione totale. La nascita di
agenzie governative segrete e di sanzioni sugli affari ha spinto molte persone a guardarsi le spalle e il senso di libertà dell’America è in calo. Molti sono pronti a tutto, anche ad azioni disperate, per riprenderselo. Tra loro c’è un grande sognatore, un immigrante che si è saputo tirar fuori dalla più profonda povertà e diventare uno degli uomini più ricchi e ammirati del mondo. Si tratta di Andrew Ryan, convinto che i grandi uomini e le grandi donne debbano meritare di meglio. Ryan ha lavorato per creare l’impossibile, un’utopia libera da governi, censure e restrizioni morali contro la scienza dove si raccoglie quel che si semina. Ha creato Rapture la città scintillante sotto il mare. Come tutti sappiamo, però, quell’utopia è stata colpita da una tragedia. Questa è la storia di come tutto ebbe inizio e di come tutto finì.

L’AUTORE:

L’eclettico e autorevole John Shirley è noto per il suo contributo alla fantascienza cyberpunk, così come per la suspense, per le storie e i romanzi horror e per i lavori cinematografici sempre di stampo horror. La sua sceneggiatura più celebre è quella del film Il Corvo, del quale è stato lo sceneggiatore iniziale. Ha anche scritto sceneggiature per Star Trek: Deep Space Nine e Poltergeist. Da citare i suoi primi, intensi e espressionistici romanzi horror come Dracula In Love e Cellars che hanno influito sul movimento Splatterpunk nell’horror, e sul successivo movimento “bizarro”. L’opera di Shirley spazia nei toni dal surreale, al crudo naturalismo, all’incubo. Shirley è anche uno scrittore di canzoni ed un cantante. Ha scritto testi per i Blue Öyster Cult, come ad esempio diverse canzoni dell’album Heaven Forbid.