Big Brother is watching you. Nulla di più vero, forse non ne siamo consapevoli oppure non lo siamo abbastanza. George Orwell con il suo romanzo 1984 è stato un precursore, lui già sapeva forse come sarebbe stato il mondo nel 2013. Tutto è connesso, noi siamo connessi e dati su dati viaggiano ogni giorno. Si sa tutto di noi. Cosa abbiamo comprato, cosa abbiamo mangiato, dove siamo stati, se ci è piaciuto un film oppure un libro. La cosa è affascinante ma al contempo crea uno stato di inquietudine non indifferente.

Proprio perché si tratta di un tema terribilmente attuale, molti sviluppatori hanno deciso di ambientare i loro giochi in mondi distopici, dove regnano sovrane regole che rendo le società ordinate ma che in realtà non fanno altro che imprigionarne i propri cittadini.

Ne abbiamo scelti 5 tra tanti e, di ognuno, vi racconterò quali sono le caratteristiche che li rendono orwelliani.

Remember-Me-Logo

Titolo Remember Me
Sviluppatore Dontnod Entertainment
Ambientato nell’anno 2084
Città Neo Paris
Grande Fratello Memorize

Di Remember Me ne abbiamo parlato in lungo e in largo. Si tratta del primo gioco dello studio francese Dontnod Entertainment. In questo titolo la parte del Grande Fratello è rappresentata dalla Memorize un’immensa multinazionale che governa letteralmente Neo Paris. Il suo modo di tenere in pugno i cittadini? Semplice, ne estrapola e ne cataloga i ricordi e, all’occorrenza, li cancella con un colpo di spugna. Anche la protagonista, Nilin, ha la capacità di manipolare e rivivere i ricordi rubati ad altri esseri umani.  Un’idea fresca e intrigante quella del giovane studio francese.

Se non avete ancora messo mano a Remember Me, credo che sia proprio ora di provvedere.

Passiamo al prossimo titolo tanto atteso su next gen, sviluppato da un altro studio “francofono”.

watch-dogs-fonds-d-cran-62778

Titolo Watch Dogs
Sviluppatore Ubisoft Montreal
Piattaforma Multipiattaforma
Ambientato nel  –
Città Chicago
Grande Fratello CtOS

Watch Dogs è il nuovo attesissimo titolo open world sviluppato da Ubisoft Montreal. Qui il Grande Fratello è il supercomputer CtOS (Central Operating System) che, grazie alla sua capacità di elaborazione, riesce a tenere sotto controllo ogni singolo centimetro di Chicago. Il sistema controlla tutta la “tecnologia” della città – telecamere di sorveglianza, ATM ecc ecc –  e immagazzina tutti i dati dei cittadini. Quest’ultima parte non si discosta molto dalla realtà odierna. Ogni nostro tweet geolocalizzato oppure ogni foto caricata su Instagram è già immagazzinata da qualche parte. Se non ci credete, Ubisoft ha fuso i nostri dati con quelli del videogioco con il progetto “WeareData“. Ve ne avevamo parlato qualche tempo da in questo articolo.

Anche in questo caso, il protagonista è un ribelle la cui missione è quella di hackerare il CtOS per distruggere il sistema dall’interno.

Il titolo sembra molto promettente, non ci resta che attendere.

GamesPrincess_FreedomWars_PsVita_SonyJapanStudio

Titolo Freedom Wars
Sviluppatore Sony Japan Studio
Piattaforma PS Vita
Ambientato nel 102013
Città Panopticons
Grande Fratello Sconosciuto

Freedom Wars è un nuovo interessante titolo sviluppato da Sony Japan Studio. La superfice terrestre non è più un luogo adatto alla vita umana e, per questo motivo, sono state costruire delle città sotterranee che prendono il nome di Panopticon. In ogni Panopticon vi sono un numero smisurato di telecamere che controllano gli abitanti, vige il controllo delle nascite, non ci sono riserve di petrolio (perché evidentemente non servono). Tutto questo ordine però è caratterizzato da un lato oscuro: la criminalità raggiunge livelli altissimi e il numero di armi posseduto dai cittadini e molto elevato. Per dichiarare criminale un semplice cittadino, ci vuole molto poco, anche una sola infrazione potrà costarvi quasi 1,000,000 di anni di carcere. Per decurtare qualche anno a queste severissime pene carcerarie, i prigionieri saranno costretti ad affrontare dei mostri. Solo se ne usciranno indenni verrà concesso loro uno sconto sulla pena.

Un mondo, quello composto dai Panopticon, pieno di contraddizioni e di assurdità. Il ruolo del Grande Fratello in questo caso, non ci è ancora stato svelato con chiarezza. Si dovrà attendere l’uscita del gioco.

me

Titolo Mirror’s Edge
Sviluppatore DICE
Piattaforma PS3, XBOX 360  e PC
Ambientato nel  –
Città Sconosciuta
Grande Fratello Sconosciuto

Mirror’s Edge è un titolo uscito nel “lontano” 2008 dal genere non ben definito. Fonde caratteristiche tipiche dei giochi in prima persona, ma senza ausilio di armi. Faith, la protagonista, avanza nel gioco solo grazie alle sue doti fisiche utilizzando la disciplina del parkour. E’ ambientato in una città sconosciuta di cui non conosciamo il nome, sappiamo solo che anche qui vige il controllo della popolazione. Tutto è bello, pulito, ordinato ma soprattutto finto. Finzione che non piace ad un gruppo di ribelli chiamati Runners. Essi fungono da corrieri e la “merce” che trasportano è importantissima: informazioni. Si, trasportano informazioni portandole all’esterno di questa campana di vetro.

Qui il Grande Fratello non ha un volto né tanto meno un nome. Il Grande Fratello è chi governa, è la città, son gli stessi cittadini. Probabilmente non volerne definire l’identità indirettamente gli da un volto.

news_pic_1360065562531

Titolo Republique
Sviluppatore Camouflaj
Piattaforma iOS, PC e Mac
Ambientato nel  –
Città Sconosciuto
Grande Fratello Il giocatore (?)

Republique è un titolo che ha trovato i natali grazie a una campagna di raccolta fondi su Kistarter. Si prefigge di essere un gioco AAA su iOS ma anche PC e Mac. La particolarità del titolo è che il ruolo del Grande Fratello viene svolta dal giocatore stesso che avrà un ampia visuale del gioco. Infatti il vostro “occhio” saranno le telecamere della sconosciuto edificio in cui vi troverete, all’interno del quale è imprigionata Hope, una ragazza che richiede il vostro aiuto.

Scelta particolare, quella del team di Camouflaj, che ha deciso di dare un’impronta innovativa a questo gioco mobile. Anche in questo caso non ci resta che attendere l’uscita per trarne le conclusioni