Ci siamo: anche quest’anno la notte delle streghe è alle porte. Halloween è finalmente arrivato, e tra feste, costumi, maschere, dolci e quant’altro è davvero difficile farsi cogliere impreparati. Se però non avete ancora idee su come spendere la vostra serata del 31 ottobre e non vi dispiace l’idea di stare a casa a farvi spaventare un po’, vi propongo cinque giochi a tema Halloween che potreste prendere o rispolverare per l’occasione.

Dead Space

Nulla contribuisce a rendere l’atmosfera spaventosa più di uno pseudo-zombie/alieno che a tradimento appare dalle tenebre e attacca senza pietà: questa è per l’appunto tra le peculiarità della serie di Dead Space, survival horror per PS3, Xbox 360 e PC distribuito da EA, che sicuramente la maggior parte di voi conoscerà come le proprie tasche. Mostri a parte, Dead Space è terrorizzante a 360°: ambientazioni e smembramenti che non lasciano proprio nulla all’immaginazione sono solo alcuni degli elementi di questi giochi che traumatizzano il videogiocatore medio. Visto che i giochi della serie sono tre, nulla vieta una bella maratona a base di ansia e creature mostruose.

 Silent Hill

Rimanendo in ambito di survival horror, la serie capolavoro di Konami è una valida alternativa a giochi che spaventano con elementi “fisici”, come appunto Dead Space o il famoso Resident Evil. Come ben saprete, la particolarità di questi giochi consiste nell’infondere nel giocatore un terrore psicologico, dovuto alla raccapricciante atmosfera dell’apparentemente tranquilla cittadina di Silent Hill. Fitta nebbia e altre condizioni metereologiche cupe, ambienti sinistri e un’inquietantemente malinconica colonna sonora portano il giocatore a provare un‘ansia costante e crescente, dovuta, chissà, a qualche spirito aleggiante dietro di voi. Se non avete voglia di imbracciare il joystick o di farvi coinvolgere troppo, potreste ripiegare sull’omonimo film rigorosamente horror di cui, ovviamente, vi avevamo già parlato.

 Anna

No, il titolo non trae in inganno: Anna è un nome italiano, così come i produttori di questo gioco per PC, gli indipendenti Dreampainters (avete letto del loro nuovo gioco dal titolo White Heaven?). Questo fratello minore del già citato Silent Hill vi inquieterà con modalità simili, ma questa volta l’ambientazione è del tutto nostrana. Il gioco è in prima persona, dunque il giocatore ha la possibilità di sperimentare direttamente tutte le stranezze che succedono nella sperduta e abbandonata segheria valdostana in cui si trova catapultato senza spiegazioni. Puntate e cliccate a vostro rischio e pericolo, facendo attenzione a porte che si aprono da sole, luci che si accendono e oggetti che spariscono: molto consigliato se desiderate un coinvolgimento totale nella storia che vi accingerete a cominciare.

Amnesia: The Dark Descent

Anche questo gioco fa parte della ben fornita schiera dei survival horror, ma si differenzia dai suoi colleghi per due motivi principali: l’ambientazione medievaleggiante e la mancanza di identità del protagonista. Andando con ordine, il gioco si svolge all’interno del Castello di Brannenburg e ci cala nei panni del misterioso Daniel, un ragazzo risvegliatosi all’improvviso in questo luogo lugubre senza alcuna memoria di chi sia né di come sia arrivato lì. Un ricordo, tuttavia, lo ha: sa che qualcosa lo caccia, e lo sta cacciando anche ora, ma il ragazzo non ha con sé armi per difendersi. Inquietante, vero? Non quanto la “barra della sanità mentale”, che scende se Daniel subisce o assiste ad un evento sconvolgente e che, se si svuota troppo, produce effetti inquietanti come le allucinazioni. Occhio, ovviamente, anche alla vostra sanità mentale.

Nightmare Before Christmas: Attenti al Bau Bau!

D’accordo, è la sera di Halloween, ma chi ha detto che si debba per forza avere paura? Se siete facilmente impressionabili, nostalgici e anche un po’ bambini questo è il videogioco che fa per voi. Sviluppato nel 2005 da Capcom su PS2, Nightmare Before Christmas: Attenti al Bau Bau! è ovviamente ispirato al capolavoro di Tim Burton, rispetto al quale si pone come sequel. Il gioco non ha assolutamente nulla di pauroso, dato che si dovrà impersonare il sindaco della città di Halloween Jack Skeletron, di nuovo alle prese con la sua nemesi Bau Bau. Carino, leggero e senza nemmeno troppi poligoni nella sua tridimensionalità vecchio stile, ve lo consiglio se avete voglia di una serata tranquilla sotto la coperta.