È indubbiamente uno dei giochi più attesi tra quelli in uscita per PlayStation 4 nonché quello che più di tutti sembra esaltare le caratteristiche della next-gen di Sony per cui durante l’E3 di Los Angeles non abbiamo perso tempo e siamo corse a provare la breve demo di The Order 1886, il titolo di Ready at Dawn che sembra esaltare i giocatori di tutto il mondo.

Inutile nasconderlo: l’esaltazione è il sentimento preponderante quando ti trovi con il pad in mano nei panni di Galahad, Cavaliere dell’Ordine e protagonista della storia. Fucile a termite alla mano, ci viene chiesto di farci spazio un proiettile alla volta sfruttando i numerosi ripari. Insomma, il gameplay a prima vista sembra quello di un normale shooter in terza persona, ma non fatevi ingannare dalle apparenze. Per capire al meglio i punti di forza di questo videogame abbiamo intervistato Gavin Russell, Producer di questo atteso titolo.

Inutile negare che l’aspetto che più colpisce mentre si gioca alla demo, ambientata subito dopo gli eventi visti nel trailer rilasciato a marzo e con un Galahad che comincia a interrogarsi sul suo effettivo ruolo, è la grafica. I ragazzi di Ready at Dawn hanno scelto di creare un nuovo engine per poter aver il controllo su ogni aspetto del gioco, certi di poter modificare qualsiasi cosa in qualsiasi momento. Il risultato è una fisica eccellente accompagnata da un sistema d’illuminazione quasi perfetto.

The Order 1886 però non è solo un titolo estremamente curato dal punto di vista tecnico, ma soprattutto un videogioco che si incentra sulla storia. Dietro alle classiche meccaniche da TPS infatti troviamo un comparto narrativo che vuole essere il focus dell’esperienza del videogiocatore, rendendo centrale l’interazione con l’ambiente e spronando i gamer a svelare i segreti che l’Ordine nasconde.

L’idea quindi è quella di un’esperienza emotiva e cinematografica, un risultato che Ready at Dawn punta a raggiungere unendo l’assoluta devozione verso l’aspetto narrativo alla grande cura per i dettagli visivi che rendono The Order praticamente un film.