Dean Dodrill, animatore per professione, ha sempre avuto un sogno: quello di poter realizzare un videogioco tutto da solo.
La sua più grande opera, Dust: an Elysian Tail, disponibile gratuitamente con il PS Plus durante il mese di ottobre, è la realizzazione ultima del suo desiderio.
Per parlare di questo titolo bisogna necessariamente fare tale premessa perché nel nostro sguardo critico ci sia posto per la consapevolezza che Dust: an Elysian Tail è un’opera creata da un singolo, e che quindi il lavoro che c’è dietro è stato eseguito a due mani e non da un team di esperti.

Decisione ammirevole o sconsiderata?

GamesPrincess_DustAnElysianTail_Indie

Dust: an Elysian Tail è un action platform RPG con un stile grafico tipico degli anni Novanta. A primo impatto, il gioco ricorda molto un cartone animato bidimensionale, dalle numerose e particolari ambientazioni.
La storia narra dell’avventura di Dust, una volpe antropomorfa che, in seguito a una battaglia, perde la memoria e si risveglia in un bosco dall’atmosfera onirica. Seguendo un canovaccio piuttosto classico, il protagonista comincia il suo percorso di riscoperta di sé e della propria identità, attraversando le terre di Falana in compagnia di una spada parlante di nome Ahrah, avvolta da un alone di mistero, e della sua guardiana Fidget, una creatura fantastica dal carattere peperino che renderà il nostro viaggio più semplice grazie al suo aiuto nei combattimenti.

GamesPrincess_DustAnElysianTail_Indie

Il gameplay è lineare e non particolarmente tecnico, e insiste molto su mosse speciali e parate. Sconfiggere orde di nemici non risulta però noioso, grazie a una caratterizzazione ben oculata e a una punta di caos, mentre le sfide contro i boss si rivelano sempre piuttosto sottotono e non regalano alcun brivido d’adrenalina. Oltre all’aspetto più action del gioco, ci ritroveremo spesso a dover completare quest secondarie e avremo inoltre la possibilità di andare in cerca di meravigliosi tesori nascosti. A una campagna della durata di circa dieci ore, si aggiungono quindi diversi incentivi per prolungare l’esperienza di gioco. Dust: an Elysian Tail porta con sé anche degli elementi RPG, quali il livellamento del personaggio principale e il crafting. Questa componente però non è particolarmente degna di nota in quanto a originalità e soddisfazione personale.

GamesPrincess_DustAnElysianTail_Indie

Se il signor Dodrill sia quindi un genio o un megalomane non è dato sapere con chiarezza. Il titolo però è sicuramente un prodotto di qualità e accattivante se dedicato ai bambini, mentre per gli adulti, a mio avviso, può rivelarsi uno sfizio nostalgico e un passatempo divertente, ma senza troppe pretese.