Non è passata nemmeno una settimana dall’uscita del DLC rilasciato da Ubisoft per Assassin’s Creed Unity che la community dei videogiocatori è già spaccata in due.

LEGGI ANCHE: Assassin’s Creed Unity – Recensione in 5 parole

Primo di una serie di contenuti scaricabili, Dead Kings è il famoso omaggio offerto dalla casa produttrice dopo i numerosi problemi tecnici del mese scorso e le lamentele dei giocatori. Ambientata successivamente agli eventi del gioco principale, la trama si inserisce in una nuova ambientazione, il borgo di Franciade, un quartiere oscuro brulicante di morte e segreti in ogni angolo. Il nostro assassino è in cerca di misteriose reliquie che potrà scovare solamente infiltrandosi in tombe reali sotterranee e cave sorvegliate dalle guardie napoleoniche. Ma in questo intento non sarà solo, accanto a lui troveremo un amico già conosciuto ma anche un nuovo personaggio, un curioso ragazzino di nome Léon. 

ac unity, dead kings

Introducendo una nuova sequenza mnemonica, Dead Kings porta con sé più di una novità rendendo le ore di gioco non del tutto banali o scontate. Prime fra tutte, le armi e gli oggetti a disposizione: nel nostro arsenale potremo annoverare un possente Mortaio a Ghigliottina, potente nello scontro fisico singolo, ma ancora più efficace a distanza. Nella sua esplorazione, inoltre, Arno potrà usufruire di una lanterna ad olio che utilizzerà per illuminare il cammino ma anche per scacciare ratti ed insetti presenti nel sottosuolo. Tale oggetto sarà ricaricabile tramite delle giare sparse lungo tutta la mappa. Durante il nostro percorso incontreremo, inoltre, una nuova tipologia di nemici: i Saccheggiatori, uomini barbuti armati di badile, volti semplicemente a derubare antichi tesori. Si trovano per lo più in gruppo e ognuno di essi fa testa ad un capo: morto quest’ultimo, tutti gli altri scapperanno via spaventati e non saranno più di alcun pericolo.

ac unity, dead kings

Per quanto piccola possa essere la mappa di Franciade, Dead Kings è comunque riuscito a non renderla sterile. Al suo interno, infatti, troveremo nuove “Storie di Parigi”, nuove Indagini, ulteriori scrigni da sbloccare e nuove missioni: gli Avamposti. Simili a dei Forti, che bene ricorderanno coloro che hanno giocato anche altri titoli della saga, gli avamposti sono dei territori controllati dagli estremisti rivoluzionari che il nostro assassino dovrà liberare. Ma essi non saranno le uniche novità presenti tra le missioni.

Potremo, infatti, sbizzarrirci con gli Enigmi di Surger, simili in tutto e per tutto a quelli di Nostradamus, presenti nel gioco principale, i quali sbloccheranno, una volta risolti tutti, una preziosa ed antica arma. 

Ma in che modo Dead Kings si inserisce all’interno del titolo maestro?

Incastonato in un quartiere buio e tetro, anche il DLC, con tutta la sua trama, rispecchia il mood dell’ambiente circostante. Basta guardarci intorno per vedere una popolazione ridotta allo stremo delle forze, in cui sono i cittadini a dover farsi giustizia da soli. La cittadina è sempre buia, avvolta da una nebbia perenne, perfino la colonna sonora del gioco sarà incalzante e malinconica durante tutta la trama. Dovremo abbandonare il fasto e le ricchezze della Parigi di Unity e calarci nel sottosuolo, tra ratti, scheletri ed insetti, alla scoperta delle tombe dei re e di manufatti dal potere inimmaginabile. Perfino il nostro Arno è cambiato, non è più il giovane assassino di un tempo, pronto a dare la propria vita pur di proteggere la Francia, bensì un uomo adulto e disilluso che vuole solo risolvere i propri obiettivi e lasciare per sempre il suo passato. In quest’atmosfera si inserisce però una luce di speranza, qualcuno che forse riesce ancora a vedere in Parigi e nella Franciade il suo vecchio splendore, che crede ancora nel credo degli Assassini e che è pronto a battersi e perfino a morire in nome dei propri ideali.

ac unity, dead kings

Ma la community di assassini come avrà reagito a questo nuovo titolo?

Sembrerebbe purtroppo che alcuni problemi del passato non siano stati risolti. Molti giocatori, infatti, hanno affermato di aver riscontrato noiosi bug persistenti, tali da impedire la piena fluidità del gioco. Che siano problemi temporanei di uscita, o inconvenienti più sostanziosi, Ubisoft si è riservata dal dirlo. Tuttavia, la domanda fondamentale che molti si sono chiesti e che noi rigiriamo a voi è: Essendo originariamente un contenuto scaricabile a pagamento, voi avreste speso dei soldi per poterlo giocare?

Personalmente, tirando le somme, ritengo che sia un DLC che valga la pena acquistare. La durata del gioco è ottimale e, in alternativa, estendibile con le nuove missioni secondarie, sia in singolo che in cooperativa, che rendono l’avventura più varia e avvincente. L’esperienza di gioco non è per niente scontata o simile al titolo principale, in quanto permette all’utente di immergersi in nuovi scenari e nuove sfide che molto spesso ricordano i vecchi titoli della saga, o addirittura si avvicinano quasi a modelli delle serie Tomb Raider ed Indiana Jones. Ubisoft Montpellier sembra, quindi, aver soddisfatto quel grande comparto di utenti dediti all’avventura e allo stealth.

E voi invece, cosa ci dite? Investirete il vostro tempo nel completamento del DLC o, in un’altra occasione, non avreste investito nemmeno i vostri risparmi?

Assassin’s Creed Unity: Dead Kings è disponibile gratuitamente dal 13 gennaio per Xbox One e PC e dal 14 gennaio per PlayStation 4.