[E3 2016] Horizon Zero Dawn: un mondo tecnologicamente preistorico

Uno dei videogiochi più attesi di questo E3 2016 è certamente stato Horizon Zero Dawn, nuovo titolo sviluppato da Guerrila Games in esclusiva per PS4. Durante la fiera losangelina abbiamo avuto modo di provarlo per una mezz’ora, vestendo i panni della protagonista Aloy, una giovane ragazza dalla folta chioma rossa.

Contrariamente da quel che si poteva pensare inizialmente – guardano i primissimi trailer del gioco – Horizon Zero Dawn non è un adventure game bensì un action RPG open world che per certi versi – leggi “preistoria e ambientazione” – si sovrappone a Far Cry Primal.

Pad alla mano, ci siamo subito rese conto che il gameplay e la manovrabilità di Aloy sono di una fluidità disarmante: il personaggio risponde perfettamente ai comandi ma soprattutto lo fa in tempo reale. Sono rari i titoli che riescono a raggiungere un obiettivo simile.

Le sterminata landa in cui ci siamo ritrovate a vagare, oltre ad essere disseminata di ostili e misteriosi animali-robot, era perfettamente confezionata. Le grafica dai colori sgargianti e gli effetti di luce ci hanno lasciate a bocca aperta.

Nonostante quella strana sensazione di deja-vu, Horizon Zero Dawn si conferma essere uno dei titoli più interessanti di questo E3 2016. Se volete saperne di più, guardate la nostra video anteprima.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here