The King of Fighters è tornato in grande spolvero! Il brand che ha gettato le basi del genere picchiaduro è ritornato, con i suoi elementi peculiari, ma con una nuova grafica, un nuovo stile e, naturalmente, nuovi personaggi.

Certo, il ritorno della nipponica SNK al mondo dei videogiochi non è stato semplicissimo, complice il fallimentare tredicesimo capitolo, poco riuscito sia a livello tecnico che economico. Archiviata però la pessima esperienza e abbandonato il marchio Playmore, SNK ha coraggiosamente deciso di rivoluzionare esteticamente il titolo, sfruttando il nuovo motore grafico ma mantenendo però gli elementi storici del brand.
Sarà riuscita nel suo intento?

GamesPrincess_TheKingofFightersXIV_Recensione

Ritorno alle origini

Con The King of Fighters XIV SNK ha voluto fare le cose in grande, non solo grazie alla presenza di un impressionate roster di personaggi, composto da 50 combattenti, ma anche per il ritorno della tanto richiesta modalità storia. Senza fronzoli e ben lontana dai picchiaduro attuali, la trama della la modalità storia di The King of Fighters XIV risulterà essere piuttosto semplice: Antov, ricco milionario, deciderà di acquistare i diritti del torneo per trasformarlo in uno sfarzoso spettacolo.

19723_4a

Ovviamente le cose non andranno come previsto. A scatenare il caos troveremo un’entità demoniaca pronta a distruggere la Terra. Il nostro compito quindi sarà affrontare il torneo con il nostro team, composto da tre combattenti (caratteristica cardine di The King of Fighters), per arrivare al temuto Boss finale. Cattiva ed indiscutibilmente complicata, l’entità demoniaca finale riuscirà, con le sue mosse speciali, a mettere in difficoltà i giocatori anche a livello Normal.

Ovviamente il gioco non si limita ad offrirci la modalità storia. Accanto ad essa troviamo la modalità survival, le prove speciali, gli allenamenti e i versus. Nulla però di così innovativo, tanto che, spesso e volentieri, ci ritroveremo annoiate e pronti a spegnere la console per dedicarci a qualcosa di un po’ meno ripetitivo.

Per ossi duri

A salvare le sorti del gioco ci pensa la caratteristica cardine di The King of Fighters XIV: le sue meccaniche. Pad alla mano, è evidente che rimane la complessità l’elemento base del titolo, grazie soprattutto ad un numero elevato di mosse rapide e difficili da effettuare. Inoltre, a rendere il tutto ancora più complicato, troviamo la modalità MAX che permette, una volta riempita l’apposita barra, di effettuare – sebbene per pochi secondi – una serie di mosse potenziate.

GamesPrincess_TheKingofFightersXIV_Recensione

Purtroppo però le combe per arrivare a scatenare la modalità MAX non sono alla portata di tutti, soprattutto di coloro che non hanno grande familiarità con il titolo e che quindi potrebbero sentirsi sopraffatti dalla quantità di mosse presenti. Proprio per loro, per i “novellini” della serie, SNK ha deciso di introdurre l’attacco Rush, che consente, premendo velocemente il pugno leggero, di attivare automaticamente una combo, combo che varia da personaggio a personaggio .

Non è tutto oro quello che luccica

I veri tasti dolenti però di The King of Fighters XIV sono il piano tecnico e la modalità online.

Il nuovo capitolo non colpisce di certo per il suo aspetto estetico, a causa di uno stile essenziale (forse troppo), di un character design non eccelso, di texture non chiare e di movimenti estremamente legnosi. Insomma, il passaggio di The King of Fighters al 3D non è stato clemente.

GamesPrincess_TheKingofFightersXIV_Recensione
Per quanto riguarda la modalità online, sono stati apportati dei miglioramenti rispetto al capitolo precedente, ma sarà comunque difficile fare una partita senza incombere in intoppi e problemi. Quello che però ci veni in contro è un ottimo sistema di lobbye le immancabili sfide 3 contro 3.

Nonostante la presenza di un grafica non esattamente eccelsa The King of Fighters XIV rappresenta comunque una vera propria rinascita del titolo, riuscendo nel proprio intento di unire i fan storici del brand ai neofiti appassionati del genere.
Un’eccellente base per i prossimi e futuri capitoli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here