Blizzard ha deciso di lanciare un nuovo programma pensato per aumentare la percentuale delle donne presenti all’interno dell’azienda.

Solo il 21% dei dipendenti della software house è infatti di sesso femminile, una quota che continua a rimanere bassa perché le donne abbandonano lo studio molto più velocemente e frequentemente degli uomini. Ecco perché Mike Morhaime, Presidente di Blizzard, ha deciso di lanciare un programma volto a promuovere la diversità sul posto di lavoro, un programma che si focalizzerà inizialmente sulle donne ma che si espanderà poi ad altre minoranze.

L’intenzione però non è quello di introdurre le cosiddette “quote rosa” ma di incoraggiare gli attuali dipendenti a candidare le donne ogni volta che si apre una nuova posizione; inoltre, Blizzard è determinata a reclutare nuovi giovani talenti durante le conferenze e nelle università, oltre a stringere una nuova e – si spera – proficua partnership con il gruppo Girls Who Code.

Tra le iniziative segnaliamo anche la presenta di una sorta di comitato, a cui spetta il compito di partorire nuove idee che rendano l’ambiente di lavoro più adatto al gentil sesso, e un summit annuale chiamato “Women @ Blizzard” che inizierà il prossimo anno.

La nostra iniziativa sulla diversità richiederà l’impegno di tutti noi, ma soprattutto di leader, manager e di coloro che si occupano delle assunzioni“, ha spiegato Morhaime.

Chissà se il progetto della software americana sarà d’ispirazione anche per altri studi di sviluppo…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here