L’action adventure Jotun ha iniziato la sua avventura su Kickstarter nel luglio 2014, quando il team canadese di Thunder Lotus Games riuscì in pochi giorni a oltrepassare la cifra di cinquantamila dollari. Dopo aver superato con successo anche la sfida di Steam Greenlight, Jotun è infine arrivato al cospetto dei giocatori pochi mesi fa, nell’autunno dello scorso anno.

Questo indie ben confezionato, con colori pastello ed atmosfere particolarmente evocative, ci mette nei panni di Thora, guerriera vichinga che porta i capelli rossi ed il nome del dio del tuono.

Dopo una spaventosa tempesta che ha sorpreso Thora e i suoi commilitoni in mezzo al mare, la vichinga si risveglia nel misterioso Ginnungagap. Questo, nella mitologia norrena, è l’abisso cosmico che esisteva prima della creazione, una sorta di purgatorio dove viene esiliato chi deve ancora meritarsi il favore degli Dei.

Il misterioso Ginnungagap è composto da vari regni, ognuno dei quali governato da una gigantesca divinità con straordinari poteri, chiamata Jotun, che Thora dovrà battere per poter entrare finalmente nell’aldilà.

Ma riuscire a scovare i Jotun non sarà facile: dovremo esplorare in lungo e in largo tutti i cinque regni presenti nel gioco, andare alla ricerca di specifiche rune, sfidare nemici e pericoli ambientali ardui e terrificanti.

GamesPrincess_Jotun-ThoraSe non avete ancora giocato a Jotun vi consigliamo vivamente di farci un pensierino.

Inoltre, è di pochi giorni fa la notizia che l’ente brasiliano per la classificazione dell’età minima consigliata e per la valutazione dei contenuti videoludici, ha recentemente svelato l’esistenza di Jotun: Valhalla Edition per PlayStation 4 e Xbox One. Attendiamo con trepidazione ulteriori aggiornamenti a riguardo.

CONDIVIDI
Marina Belli
Videogiocatrice dalla nascita (grazie ad un'Atari2600 che custodisce gelosamente), ha molti tatuaggi ed una laurea magistrale in Informatica Umanistica. Dopo un anno e mezzo di dottorato di ricerca in Interazione e Ambienti Virtuali è scappata a New York. Una volta tornata, ha iniziato ad occuparsi di web e social media. Toglietele tutto ma non i libri e i gatti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here