PlayStation Playlink è il nuovo modo di giocare con i videogiochi, un modo fresco e divertente che strizza l’occhio anche ai videogiocatori meno esperti.

Noi avevamo visto e provato alcuni titoli in anteprima durante l’E3 di Los Angeles. Ora che sono approdati ufficialmente sul mercato possiamo parlarvene più approfonditamente.

Playlink: che cos’è?

Ma partiamo con ordine. Che cos’è Playlink? Si tratta di un nuovo modo di giocare con i videogiochi di casa PlayStation insieme ai propri amici: la caratteristica principale di questi titoli è rappresentata dall’eliminazione definitiva del controller.

[amazon_link asins=’B0778ZCK9P’ template=’ProductAd’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’391d4f4c-de63-11e7-9e67-07ff59b5f5fc’]Ciò è avvenuto perché il colosso giapponese vorrebbe che sempre più persone giochino con i videogiochi senza alcun tipo di barriera.
Ma qual è questa barriera? Ebbene si, il controller Dual Shock 4 non è realmente alla portata di tutti: molti si confondo con i tasti e più semplicemente non hanno affinità con la coordinazione richiesta.

A mandare in “pensione” il controller ci pensano smartphone e tablet, ovvero device che abbiamo tutti in tasca.

Il vantaggio dei titoli Playlink è quindi chiaro: un gameplay semplificato che favorisce l’utilizzo di gesti più naturali – e abitudinari – come “tap e swipe”.
L’altro indiscutibile vantaggio è rappresentato dall’abbattimento dei costi: per giocare con gli amici non dovrete acquistare nuovi controller, ma semplicemente scaricare l’app sui loro smartphone/tablet iOS o Android.

Playlink: come funziona?

Basterà acquistare uno dei titoli presenti ad oggi in catalogo scegliendo tra “Dimmi chi Sei!”, “Sapere è Potere”, “Hidden Agenda”, “Singstar Celebration” oppure “Planet of The apes: Last Frontier” – costano tutti indicativamente attorno ai 20 euro – e poi scaricare l’omonima app.
Per poter giocare dovete assicurarvi che sia la vostra Playstation 4 che i device mobili siano collegati tutti alla stessa rete Wi-Fi di casa, altrimenti la magia non potrà avvenire.

Playlink: quali titoli sono disponibili?

[amazon_link asins=’B072VJJQTD,B075KN68P5,B075KPSJ97,B075MH6L4M’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’93f3b6eb-dcdf-11e7-80fa-15bd2086acc6′]

Come dicevamo, ad oggi sono disponibili “Dimmi chi Sei!”, “Sapere è Potere”, “Hidden Agenda”, “Singstar Celebration” oppure “Planet of The apes: Last Frontier”.

Come potrete aver intuito, questi sono titoli sono stati pensati per essere giocati insieme ad amici o parenti. Nulla vi vieta ovviamente di giocarci in totale solitudine, ma vi assicuro che non rendono assolutamente.

“Dimmi chi sei!” Dimmelo!

[amazon_link asins=’B072VJJQTD’ template=’ProductAd’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’27927ade-dce2-11e7-b2c1-6b231e6c7193′]Erika, Carla e io ci siamo cimentate inizialmente con “Dimmi chi Sei!“, un social game leggero e divertente che vi sottoporrà un sacco di domande (talvolta anche scomode). Ognuno dei giocatori dovrà rispondere a dei quesiti (1000 in totale). Coloro che avranno risposto in modo uguale, si aggiudicheranno i punti di gioco.

“Quale membro della tua famiglia sopravviverebbe più in territori selvaggi?”
“Quale dei tuoi amici si è sentito male in pubblico di recente?”
“Chi tra voi è lo chef peggiore?”

Ovviamente non si tratta di un semplice quiz. Sarete infatti chiamati anche a disegnare, scattarvi selfie e tanto altro.

Il titolo nel complesso risulta davvero divertente se giocato da più di tre giocatori. Il ritmo tra una domanda e l’altra non è propriamente incalzante, lasciando così spazio a un po’ di tempi morti.

Nel complesso però “Dimmi chi Sei!” risulta un titolo davvero divertente e gradevole magari da giocare durante le feste natalizie mandando definitivamente in soffitta i giochi in scatola.

“Sapere è potere”

[amazon_link asins=’B075KPSJ97′ template=’ProductAd’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’fa702575-dce3-11e7-8840-03f9ff883662′]Questo altro social game è una sorta di “Chi vuol essere milionario” ma molto più moderno.
Erika, Carla e io ci siamo sfidate per sapere quale tra noi tre fosse la più secchiona. Anche in questo caso abbiamo dovuto rispondere a delle domande scegliendo ogni volta – in seguito a una votazione – quale argomento avremmo voluto affrontare.
Tecnologia? Cinema? Videogiochi? Vita domestica? Informatica? Gadget? Bambini?
Questi sono solo alcuni tra gli argomenti che sapranno mettervi in difficoltà in “Sapere è potere”.

Per rendere tutto ancora più divertente sono state aggiunte anche delle penalità. Grazie alla “mosse speciali” sarà infatti possibile far perdere tempo ai tuoi amici/avversari, costringendoli a rompere il ghiaccio che ricopre le risposte o a pulire la macchia che le imbratta.

Ovviamente, anche in questo caso, siate pronti a rovinare storici rapporti di amicizia. Ciò che vi aiuterà infatti a vincere il gioco saranno le alleanze che potrete instaurare tra di voi pur di batte il primo in classifica. Io e Erika ci siamo alleate per cercare di spodestare Carla del suo insormontabile punteggio di 2600 punti.

Hidden Agenda

[amazon_link asins=’B075KN68P5′ template=’ProductAd’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’8327b3cc-dce8-11e7-bf0b-9b213d2ae746′]Hidden Agenda è un titolo sviluppato dallo stesso team di sviluppo che ha creato “Until Dawn” (e devo ammettere che lo stile si vede). In questo crime-thriller dovrete lavorare in squadra per poter acciuffare il famigerato assassino conosciuto come “Trapper”.

La vera novità che dona freschezza a questo gioco è il modo in cui verranno prese le dicioni per andare avanti nel gioco: a votazione. “Salvo il mio collega agente di polizia oppure inseguo il criminale?“. L’opzione che ha avrà ricevuto più preferenze sarà quella che vi farà proseguire nel gioco.

L’ambientazione cupa di Hidden Agenda non ha nulla a che vedere con lo stile fumettoso, leggero e irriverenteedi “Dimmi chi sei!” e “Sapere è potere”. Qui ci troviamo di  fronte a un vero e proprio thriller non privo di jumpscare.

Come era ovvio che fosse, Hidden Agenda è uno di quei titoli in cui ogni decisione presa dal gruppo cambierà le sorti della trama: ci saranno personaggi che potrebbero morire oppure relazioni che potrebbero modificarsi.

Attenzione però, perché il titolo del gioco nasconde un piccolo segreto: Hidden Agenda.
Per l’appunto, alcuni dei vostri amici – sul proprio smartphone – potrebbero ricevere istruzioni differenti rispetto agli altri giocatori. Questo renderà quindi il tutto molto più complicato.

Hidden Agenda è un titolo che porta della freschezza nei titoli dotati di butterfly effect, trasformando di fatto – con grande naturalezza – in multiplayer un genere che nasce per essere giocato in solitaria.

Che dire di questi titoli #PlaylinkPS4? Sono divertenti, freschi, simpatici e animano le serate in compagnia di amici e parenti in modo alquanto originale.

Per ora sono promossi tutti quanti. Vedremo poi quando avviverà il momento di lanciare sul mercato molti più titoli. Il potenziale c’è e per ora è stato espresso nella maniera corretta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here